Un attico minimalista a Marsiglia, aperto sul cielo del Mediterraneo, by François Champseu

Un'attico minimalista a Marsiglia, aperto sul cielo del Mediterraneo, by François Champseur

L’interior designer François Champseur torna nella sua Marsiglia e collabora con Adrien Champsaur al progetto di un attico sul Quais de la Joillette.

Uno studio di 30 mq e un appartamento di 120 mq aperti sul Mediterraneo in un ex magazzino.

Adrien si occupa della ristrutturazione, François dell’architettura degli interni.

Differenti altezze e densità mantengono l’identità all’edificio. Nel soggiorno spazi aperti a doppia altezza, tinte chiare e finestre aperte alla francese si contrappongono al denso spazio centrale in cui le pareti blu accendono il parquet in rovere tinto grigio topo. Il salone è costituito da uno spazio libero e ampio arredato con mobili bassi di dimensione XXL, come il divano disegnato dallo stesso François che misura 3 metri. Il grande specchio rotondo rafforza la sensazione di spaziosità duplicando la presenza dei mobili.

L’ingresso dell’appartamento è definito dalle semplici linee grafiche della libreria in rovere tinto nero che gioca con la percezione degli spazi aperti ma allo stesso tempo ben definiti.

Gli ambienti principali della casa sono aperti sul patio centrale tramite ampie vetrate scorrevoli che aggiungono luminosità alla casa e offrono una vista privilegiata sul quartiere.

La continuità dell’ambiente, ampio e libero, sottolineata dal pavimento in rovere grigio che riveste tutti gli ambienti compreso il patio, è interrotta unicamente dal telaio delle porte in rovere tinto nero.

1

Sedia e sgabello Wiggle (1972) di Frank Gehry per Vitra. Specchio Roue de Clement di Pascal Michalou, tavolo Bluff di India Mahdavi, divano Bel Air e mobile basso disegnati da Francois Champsaur. Lampade Cocoon di Paola Navone.

Un'attico minimalista a Marsiglia, aperto sul cielo del Mediterraneo, by François Champseur

Sedia a dondolo Rar di Charles e Ray Eames per Vitra, sgabello Sonia di Sergio Rodrigues

1a

Nello specchio Roue de Clement, in rovere chiaro di Pascal Michalou, il divano Bel Air disegnato da Champsaur, in colore 03 natural, sedia a dondolo Rar di Charles e Ray Eames, in rosso, edizione di Vitra.

4

In primo piano la sedia DWS di Charles e Ray Eames per Vitra affianca la libreria in rovere tinto nero

3

Sedie da giardino Heaven, disegnate da Jean-Marie Massaud, edizione Emu, tavolo da esterno Pepper, di Champsaur per Pouenat e vaso in terracotta Poterie Ravel.

Sedie da giardino Heaven, disegnate da Jean-Marie Massaud, edizione Emu, tavolo da esterno Pepper, di Champsaur per Pouenat

Un'attico minimalista a Marsiglia, aperto sul cielo del Mediterraneo, by François Champseur

Lampada a sospensione Cloud di Frank O. Gehry per Belux. Sul pavimento, lanterne in rattan e carta Cocoon di Paola Navone. Divano Bel Air con coperta color pistacchio e sedia Digamma, di Ignazio Gardella per Santa e Cole.

6

Side table Pepper, di Champsaur, con piano laccato blu su base in rovere tinto nero

7

Sospensione Cloud, sedia Digamma, tavolino Pepper

Un'attico minimalista a Marsiglia, aperto sul cielo del Mediterraneo, by François Champseur

In cucina, piano di lavoro su misura in Granito Azul Cascais, tavolo Container di Marcel Wanders per Moooi, sedie Cherner disegnate da Norman Cherner (1958) e sospensione Cloud di Frank O. Gehry

10

Una libreria in rovere tinto nero delinea l’accesso alla cucina

11

Piantane TMH disegnate da Miguel Mila (1961), edizione Santa e Cole, sgabelli Sonia di Sergio Rodrigues e panca in rovere su disegno di Champsaur

13

Rubinetti Dornbracht e mobile del lavabo in Iroko e pietra bianca, su disegno di Champsaur.

12

Ante impiallacciate in rovere color sabbia con vernice opaca, disegnate da François Champaur e sgabello Saturne di Barber e Osgerby in massello di noce

Images via: DecordemonAD Espana

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *