Home tour: Villa E in Morocco by Studio KO

Testatina VillaE - Studio KOSituata ad un’ora da Marrakech, la Villa E è un rifugio di montagna che domina con rispetto la sua collina.

Minimalismo contemporaneo parigino ed estetica marocchina s’intrecciano in questo progetto degli architetti Alias Karl Fournier e Olivier Marty dello Studio Ko.

Semplici volumi geometrici, plasmati nella pietra locale Ourika dalle tonalità rosse, creano composizioni astratte di forme, toni e textures.

2-Villa-E-by-Studio-Ko-in-Morocco 3-Villa-E-by-Studio-Ko-in-Morocco 4-Villa-E-by-Studio-Ko-in-Morocco

La Villa E si integra completamente nel paesaggio. Dalla strada che percorre la vallata, la vita che scorre al suo interno si può solo percepire dalle piccole aperture nelle mura della struttura.

Lo Studio KO ha sede a Parigi e in Marocco ed è riuscito a far convergere nel progetto le idee di design delle due culture.

La presenza di tali influenze è così naturale da risultare secondaria rispetto all’esperienza dello spazio stesso. L’architettura media il passaggio dal paesaggio all’interno della villa, permettendo al visitatore di abituarsi gradualmente, attraverso studiati punti di vista, agli interni dalle composizioni astratte, così fortemente opposti alla materialità degli esterni.

5-Villa-E-by-Studio-Ko-in-Morocco 6-Villa-E-by-Studio-Ko-in-Morocco 7-Villa-E-by-Studio-Ko-in-Morocco

Stessa attenzione è stata posta alla fruizione contemplativa dell’esterno dall’interno, incorniciando e orientando le aperture sul paesaggio in modo da poter godere di un punto di vista sempre diverso e interessante.

La parte più nascosta della villa si apre sul deserto mediante vetrate dalle sottili strutture in acciaio che ruotano attorno a perni centrali, interrompendo le monolitiche mura.

8-Villa-E-by-Studio-Ko-in-Morocco 9-Villa-E-by-Studio-Ko-in-Morocco 10-Villa-E-by-Studio-Ko-in-Morocco 11-Villa-E-by-Studio-Ko-in-Morocco

La pietra rossa è armoniosamente affiancata, in alcuni dettagli e nelle pavimentazioni, da blocchi di marmo bianco, che ritroviamo anche negli interni.

L’ingresso della luce naturale, mediato attraverso tagli e fessure nelle mura e nelle coperture, sottolinea le finiture e i materiali utilizzati.

Via: Yellowtrace, Photography by Daniel Glasser & Philippe Garcia

2 Responses

  1. Paolo Bardon 28 settembre 2015 / 8:13 PM

    E’ vero le viste verso sul panorama tramite le ampie vetrate, fanno sì che anche gli ambienti interni diventino e siano una meravigliosa proiezione del paesaggio circostante 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *