About

Me & La Chaise Bleue

Sono Giulia, 37 anni, architetto, interior designer, moglie e mamma.

Ho studiato Architettura all’Università degli Studi di Roma La Sapienza e, l’ultimo anno, a Parigi all’École Nationale Supérieure d’Architecture Paris Val De Seine. Ho lavorato per diversi studi di architettura di interni di Roma, seguendo progetti a Roma, Milano e Parigi. Poi ho aperto il mio studio e continuo a lavorare tra Roma, Parigi e Londra.

I miei progetti sono la sintesi di idee italiane e francesi. Passo ogni attimo che mi rimane fra il lavoro e la famiglia con il naso infilato fra riviste, siti e blog di interior design. Raccolgo tutto quello che mi colpisce e mi emoziona.

Da qui l’idea di creare un blog per raccogliere le mie ispirazioni, le mie emozioni, i miei gusti e i miei colori.

Non so ancora se resterà un qualcosa di strettamente personale o se un giorno mi divertirò a condividerlo sul web… Intanto inizio.

La Chaise Bleue di Claude Boujon è un libro francese che ho portato ai miei bambini da uno dei viaggi di lavoro a Parigi.

Racconta di due cani, Botolo e Bruscolo, che si aggirano raminghi in un deserto noioso e uniforme.

Un giorno trovano una sedia. Una sedia blu sola in mezzo al nulla.

I due amici cominciano a giocarci e la sedia in mezzo alla sabbia si trasforma in mille oggetti diversi: un rifugio, una slitta, una nave, un circo, una macchina da corsa.

Poi arriva un cammello che fa con la sedia l’unica cosa “ragionevole” da farsi. Si siede.

Siamo sicuri che questo sia il destino di una sedia nel deserto?

L’autore mette in evidenza una divisione netta fra chi ha perso la capacità di vedere il mondo e chi invece ne sa cogliere i movimenti più profondi, manifestati dalla banalità dei piccoli eventi quotidiani.

Con il mio lavoro tento di vestire gli ambienti in cui si vive la quotidianità con oggetti che possano stimolare l’immaginazione.

Ogni oggetto che inserisco in un progetto è la mia “Chaise Bleue”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *