DESIGN ★ Space Copenhagen

DESIGN ★ Space Copenhagen | lachaisebleue.comIl secondo appuntamento con la rubrica DESIGN ★ ci porta a Copenhagen.

Fondato nel 2005 da Signe Bindslev Henriksen e Peter Bundgaard Rützou, entrambi laureati alla The Royal Danish Academy of Fine Arts, School of Architecture, lo Space Copenhagen è uno studio multidisciplinare di architettura, design e arte.

I designer danesi plasmano luce e materiali per creare spazi poetici ed emotivi, lavorando contemporaneamente ad un gran numero di progetti e prodotti.

Lo studio ha firmato alcuni dei più conosciuti e influenti ristoranti della Danimarca, come il Noma, il Germanium e il nuovo Geist, e disegnato oggetti per Georg Jensen, Fredericia Furniture e Mater.Architettura; progetti di interni per privati e opere e installazioni d’arte.

Visitiamone alcuni…

View Full Post

Carlo e Camilla in Segheria: interior design, allestimento e progetto grafico

Testatina Carlo e Camilla in Segheria

Carlo e Camilla, attori immaginari di uno spettacolo che ha come teatro un’ex segheria storica nel centro di Milano.

Atmosfera surreale in cui la realtà industriale della segheria incontra la fantasia di uno dei soci, l’art director Talja Solci, che ha curato personalmente concept e design del ristorante.

La Segheria è la scena animata ogni sera da attori, portate e parole sempre nuove. Gruppi di amici, coppie e sconosciuti si ritrovano vicini di posto nei due grandi tavoli in legno intersecati tra loro previsti dall’allestimento.

La cena diviene una performance teatrale. Un set dove la storia del design trova posto con le sedute di Cappellini: un lato dedicato simbolicamente a “Carlo”, elemento maschile dell’immaginaria coppia proprietaria di casa, con le Fronzoni ’64 di A.G. Fronzoni, nelle varianti bianca e cobalto; il lato opposto dedicato all’elemento femminile “Camilla” con le Tate Color blu e verde disegnate da Jasper Morrison.

Nobili lampadari di cristallo sospesi sui tavoli ad intervalli regolari, svuotati dalla loro funzione tradizionale e illuminati dall’alto, portano la loro ombra sui candidi tavoli. I loro dettagli diventano foglie riflesse sul legno mentre i commensali hanno le mani illuminate solo quando raggiungono i piatti.

Solci veste la tavola con un’inedita mise en place: piatti diversi tra loro in porcellana decorata, selezionati nel fuori produzione di Richard Ginori accanto ad una distesa di 100 pezzi rigorosamente bianchi: teiere, bricchi, salsiere e zuccheriere, sempre della maison fiorentina.

I tre partner creativi sono: Carlo Cracco, chef; Tanja Solci, art director; Nicola Fanti, manager

Il progetto grafico è di Roberto Da Pozzo, esperto di immagine e progettazione grafica; le illustrazioni di Gianluca Biscalchin, food illustrator.

1. Carlo e Camilla in segheria (8) 1. table project design tanja solci 2. round black sit design by TS (1) View Full Post

The Kettle Black Cafe in South Melbourne, by Studio You Me

Testatina Kettle Black ENella caffetteria/ristorante The Kettle Black, ideata dallo Studio You Me di Melbourne, il progetto si svela lentamente nelle diverse aree in cui lo spazio è suddiviso.

Un ambiente inondato dalla luce naturale; fresco, arioso e, allo stesso tempo, elegante e accogliente. Un gioco di contrasti fra vecchio e nuovo: elementi sulla cui pelle sono evidenti l’usura e il passare del tempo abbinati ad oggetti dal design minimal e contemporaneo.

Nella studiata palette di colori, calde tonalità di rovere e cemento lucido dialogano con l’arredamento verde menta; geometriche pareti in maiolica esaltano i particolari in ottone e marmo e i piccoli dettagli neri. Nei rivestimenti orizzontali il passaggio dalle mattonelle esagonali al cemento viene operato lungo una diagonale per donare un effetto organico; in quelli verticali maioliche di forme, colori e dimensioni diverse sono accostate su diversi layer.

2-The-Kettle-Black12-The-Kettle-Black13-The-Kettle-Black11-The-Kettle-Black3-The-Kettle-Black 4-The-Kettle-Black

View Full Post

Charlotte Biltgen e i suoi due nuovi ristoranti a Parigi

La designer francese Charlotte Biltgen firma due nuovi ristoranti a Parigi, il Clover e il Sinople.

Il Clover in 5 rue Perronet a St-Germain-des-Prés

Charlotte Biltgen - Clover

Preparazione e degustazione senza soluzione di continuità nel nuovo ristorante dello chef Jean-François Piège.

2-charlotte-biltgen-e-clover-parigi 3-charlotte-biltgen-e-clover-parigi

Il locale di 50 mq, 20 coperti e un piano per lo chef e i suoi assistenti, è arredato con oggetti trovati al Mercato delle Pulci di St Ouen e in negozi di anticaglie di Bruxelles; assi recuperate dai vagoni merci delle SNCF sono state utilizzate per il parquet; piastrelle in ceramica raku (terracotta giapponese) ricoprono le pareti in un motivo casuale con un effetto crosta di pane.

Il Sinople in Rue Saint-Sauveur nel II arrondissement

Mix di eleganza parigina e stile mid-century sudamericano caratterizzano il restyling del ristorante Sinople dell’esclusivo Klay, centro sportivo situato in un’ex ex fabbrica di Rue Saint-Sauver. Charlotte Biltgen crea una terrazza coperta in cui il design e la vegetazione dialogano in nuances di verde e rosso, in contrasto con le sedie in metallo e raffia e i tavoli in formica dai motivi geometrici.13-charlotte-biltgen-e-klay-parigi 11-charlotte-biltgen-e-klay-parigi 15-charlotte-biltgen-e-klay-parigi

View Full Post